“adozioniCon l'assemblea costituente di sabato 20 maggio 2017, nasce il Movimento Animalista, una forza politica indipendente da qualsiasi altro partito. Il Movimento Animalista, pone la tutela degli Animali - di tutti gli animali sia quelli d'affezione che da reddito- e dei loro diritti in cima alle sue priorità. Presidente del Movimento Animalista, Michela Vittoria Brambilla, vicepresidente Edgar Meyer e una schiera di responsabili provinciali e regionali provenienti delle principali associazioni animaliste Italiane, dagli attivisti verdi, di sinistra e di centrodestra, ed è proprio questo che dovrebbe motivare gli animalisti ad allearsi con questo Movimento.

Socio fondatore e convinto sostenitore dell’iniziativa Silvio Berlusconi. “Sono felicemente diventato – dice alla platea – uno dei milioni e milioni di italiani che considerano i propri animali domestici come membri della famiglia, si preoccupano del loro benessere e, così facendo, rendono l’Italia più bella e più civile”.
Ma non solo, Berlusconi ha anche recitato a memoria la poesia di Madre Teresa di Calcutta dedicata a TUTTI gli animali ed ha aggiunto : “Avete ragione, la politica è stata troppo distratta e non ha dato ai nostri amici animali le tutele che meritano. É ora che restituiamo loro almeno una parte di tutto l’amore che ci danno". Ha inoltre denunciato gli abusi e i soprusi che quotidianamente avvengono all'interno di mattatoi , stabulari , circhi , riserve di caccia e di pesca . Un manifesto di una nuova sensibilità e di una nuova coscienza che , vi piaccia o no , si sta diffondendo sempre più a macchia d'olio.

E' chiaro che l'ex premier avrà anche altri motivi "personali " . Ma questo agli Animali interessa poco. Molti "animalisti" infatti, dubitano della sincerità di Berlusconi, eppure il suo sostegno sarebbe solo finanziario, come ha più volte precisato, anche direttamente e personalmente al nostro presidente Alessandro Mosso.

La nascita di questo Movimento Animalista -dichiara Alessandro Mosso presidente di Animalisti Onlus- potrebbe davvero essere una delle poche, se non l’unica, occasione importante per portare le nostre proteste di strada in parlamento, in continuità con le lotte che tutti noi facciamo da anni e da sempre. Questo Movimento potrebbe essere la svolta decisiva per discutere dallo scranno del parlamento, ad esempio , la norma che imponga l’etichettatura “nuoce gravemente alla salute” sulla carne venduta nei banchi dei mercati. Sono da sempre apartitico così come l’associazione che rappresento -Animalisti Onlus-, tuttavia la “nostra politica” da marciapiede, non ha mai raggiunto gli obbiettivi sperati; Il cane Angelo di Sangineto ne è una riprova, i quattro delinquenti non faranno neanche un giorno di carcere, questo semplicemente perché in parlamento nessuno mai discuterà seriamente la modifica della L. 189/2004. Avendo da sempre sostenuto qualunque causa per la difesa degli Animali, sono pronto -con le dovute cautele- a dare una chance a questo Movimento Animalista. Potrebbe essere un’opportunità, dove potremo vedere attivisti di tante associazioni e di diverse estrazioni politiche e sociali, portare avanti i Diritti degli Animali, dalle piazze alle sedi istituzionali; sperando, finalmente di vincere questa "guerra".

Se vuoi inviare un tuo approfondimento scrivici